giovedì 27 luglio 2017

Giovedì della XVI settimana del Tempo Ordinario.



Gesù ci ama infinitamente, è lo Sposo che ci fa beati perché, nella Chiesa dove ci ha chiamati per pura Grazia, si dona a noi rivelandoci ogni mistero del suo cuore. In essa possiamo infatti "ascoltare" la sua Parola mentre la "vediamo" compiuta nella nostra vita. In questo modo il Signore ci sono spiega le "parabole", immagini tratte dalla realtà che svelano innanzitutto i pensieri dei nostri cuori bisognosi del suo perdono, per poi illuminare quelli di ogni uomo. Anche noi eravamo meritevoli d'ira, come tutti, ma nelle viscere di misericordia della Chiesa il Signore ci ha aperto occhi e orecchi per mezzo dello Spirito Santo: quando infatti l’uomo trasgredì il comando del Signore, il diavolo ricoprì con un oscuro velo la sua anima. Ma intervenne la Grazia che strappò quel velo, in modo che l’anima, restituita alla purezza originale e alla forma della propria natura, cioè di creatura pura e irreprensibile, potesse fissare per sempre con occhi puri la gloria" di Cristo. "Pur vivendo ancora sulla terra, abbiamo in cielo la nostra cittadinanza, vivendo secondo il nostro uomo interiore come se già fossimo nell’eternità"; perché i cristiani, "entrano fin da questo mondo nel suo palazzo... Sebbene non posseggano ancora in pienezza l’eredità celeste, tuttavia dalla caparra dello Spirito Santo che li colma di fiducia, sono resi oltremodo sicuri, come se già fossero incoronati e possedessero le chiavi del Regno, perché, mentre ancora vivono sulla terra, sono posseduti da quella soavità e dolcezza, da quella forza che è propria dello Spirito... Per i cristiani chiamati a regnare nel secolo futuro, non vi sarà nulla di nuovo o inatteso, poiché già prima hanno potuto conoscere i misteri della grazia” (Da un’antica Omelia del IV secolo). Nella Chiesa Gesù ci rivela i misteri del Regno facendocene sperimentare un anticipo nella beatitudine celeste dell'amore che, riversato nei nostri cuori, si traduce in pensieri, parole e opere soprannaturali. Attraverso l'esperienza del perdono che abbraccia anche chi ha tradito, del dono di se stessi sino a caricare il peccato dell'altro, l'accettare malattie e umiliazioni sul lavoro, è come se stessimo già vivendo nel Regno, dove avremo l'abbondanza infinita ed eterna del suo amore. Per questo non mormoriamo se Gesù non ci spiega le cose come vorrebbe la nostra ragione; non ne abbiamo bisogno, perché ci rivela il senso degli eventi nella profondità del cuore mostrandoci come la "esah" del Padre è in ogni istante della nostra storia, la sua volontà d'amore attenta ai particolari con cui ci conduce al Cielo. Il senso profondo di ogni parabola infatti, è che Dio è fedele in ogni sua opera, perché sulla Croce ha svelato il mistero del suo amore che rovescia ogni prospettiva e criterio umano, muovendoci a compiere la volontà del Padre che la carne non può accettare. Chi ha il cuore indurito non lo sa, per questo di fronte al male e alla morte non ha parole, e si ribella. E noi siamo inviati a un popolo di dura cervice come una parabola che lo desti alla Verità. Chi non ha conosciuto Dio come suo Padre è idolatra, per questo, come gli idoli, "pur vedendo non vedono, e pur udendo non odono e non comprendono... sono infatti diventati duri di orecchi, e hanno chiuso gli occhi, per non vedere con gli occhi, non sentire con gli orecchi e non intendere con il cuore e convertirsi, e io li risani". Ma a tutti è offerta una possibilità: la beatitudine dei cristiani, sigillo di autenticità impresso sull'amore di Dio Padre, la gioia autentica e la pace inossidabile che siamo chiamati a vivere e a rivelare mentre siamo crocifissi con Cristo. Solo sulla Croce, infatti, i nostri occhi sono beati perché vedono il compimento di ogni profezia nel sacrificio d'amore dell'Agnello che molti profeti e giusti hanno desiderato vedere; e sono beati anche i nostri orecchi perché nella Chiesa possono ascoltare l'annuncio della sua vittoria, primizia del Regno i cui misteri risplendono dinanzi al mondo nella vita nuova che si compie in noi.

mercoledì 26 luglio 2017

Mercoledì della XVI settimana del Tempo Ordinario. Commento al Vangelo.



Il Vangelo di oggi ci ricorda le Parole che Dio rivolse al suo Popolo in procinto di entrare nella Terra Promessa: "se non vi farete idoli... la terra darà i suoi prodotti... perché io sono il Signore vostro Dio che vi ha fatto uscire dall'Egitto, ha spezzato il giogo e vi ha fatto camminare a testa alta... ma se non ascolterete... seminerete invano il vostro seme e se lo mangeranno i vostri nemici... sconterete le vostre colpe nel paese dei vostri nemici.. il vostro cuore non circonciso si umilierà e allora mi ricorderò dell'Alleanza" (Lev. 26). La Parabola del Seminatore ci annuncia che Dio non ha rotto l'Alleanza con noi, idolatri per aver indurito il cuore alla sua voce ascoltando la parola velenosa del maligno. Nella semina della Parola che è l'evangelizzazione della Chiesa, Cristo viene a cercarci nella terra del nostro esilio, infeconda perché seminata con la menzogna satanica dell'idolatria. Anche oggi il Signore visita la terra che, attraverso la storia di umiliazioni e fallimenti, ha preparato perché accolga l'annuncio del Vangelo. Anche oggi esce il Seminatore e al suo passaggio stilla l'abbondanza di frutti: la predicazione infatti ci annuncia Cristo, il seme gettato sulla strada, tra sassi e spine. Accolto con entusiasmo e, nel volgere di pochi giorni, gettato fuori dalla città carico della Croce, cinta la testa da una corona di spine, tra insulti e sputi lanciati come pietre al suo passaggio, il Seminatore si è inoltrato sulla strada preparata dai nostri peccati per seminarvi la sua vittoria. E l'Agnello si è lasciato immolare sul Golgota, trasformato in un giardino dal suo corpo in esso sepolto, la terra buona che, nella sua risurrezione, ha dato il frutto della nostra salvezza. Per mezzo dei sacramenti Gesù attraversa la morte della nostra terra infeconda per estirpare con il perdono il seme dell'idolatria e deporvi quello della vita nuova nell'obbedienza. Allora coraggio, siamo il frutto del suo amore più forte del peccato e della morte. Per questo in Lui possiamo dare il frutto abbondante della fede seminata dalla sua Parola, opere che testimoniano la vita eterna in noi, che ci fa camminare a testa alta e discernere in ogni evento l'occasione per donare a tutti, secondo le loro necessità, il trenta, il sessanta, il cento del suo amore.

martedì 25 luglio 2017

Building a Bridge.... per andare dove???

25 Luglio. San Giacomo Apostolo. Commento al Vangelo.



Il Signore aveva appena annunciato, per la terza volta, il suo destino: Passione, Croce e Resurrezione. Ma i loro interessi e le aspirazioni più profonde soffocavano le parole serie e gravi del Maestro. Il cuore dei più intimi di Gesù, di Giacomo e Giovanni, era come il nostro, piagato di vanagloria e di egoismo. Un'inguaribile tendenza a fare di tutto, anche del seguire Gesù, qualcosa che ci sia propizio e soddisfi i nostri bisogni, affettivi e carnali, per sentirci vivi. Nelle parole, lacci. Negli sguardi, ventose. Negli atteggiamenti, esche. Nelle opere, catene. Ci diciamo pronti a qualsiasi cosa, a "bere qualunque calice", ma è per "sedere alla destra e alla sinistra" di chi possa assicurare un posto di prestigio nella vita. Nulla in noi è gratuito perché, ingannati dal demonio, scambiamo Dio con "io". Per questo, nella "madre dei figli di Zebedeo" possiamo rintracciare le sembianze di ogni nostra madre che, avendoci concepito nel peccato, ci ha trasmesso desideri e obbiettivi limitati alla carne che, una volta raggiunti, ci lasciano più vuoti di prima: "studia figlio mio, cercati una brava ragazza, e un posto fisso mi raccomando, e una casa che il mattone è per sempre; e risparmia, accumula, che non si sa mai nella vita...". Eppure, anche sotto ciò che nostra madre ci ha insegnato a "volere che il Signore ci faccia", si cela in noi il desiderio di partecipare a qualcosa che non muoia e non ci faccia preda degli eventi, di relazioni stabili e durature. Ma "Gesù esaudisce le sue promesse, non le nostre attese" (S. Fausti), perché è Dio, quello vero a cui possiamo assomigliare, l'ecce homo nel quale siamo stati creati e ricreati, non il feticcio che immaginiamo; non il Messia che instauri un regno umano dove, come Giacomo e Giovanni pensavano, possiamo dominare con Lui su tutto e tutti. Cristo non ha il "potere" mondano che esige di "essere servito", ma quello celeste e scandaloso di "servire" che, attraverso la Chiesa, viene anche oggi a donarci con la Vita Eterna, l'essere più profondo che riordina ogni relazione nella disciplina dell'amore. La Grazia di dare la vita, amare, anche quando non si è amati, anche quando si è disprezzati, come ha sperimentato San Giacomo, che ha offerto se stesso nel martirio d'amore; invece del primo che la carne desidera, ha occupato l'ultimo posto, il più vero, il più felice perché è il posto di Cristo, dove per salvarci ha bevuto sino in fondo il calice che gli abbiamo porto ricolmo dei nostri peccati. Lo stesso calice è preparato per noi nella Chiesa, dove tra i fratelli nulla è come nel mondo di chi brama potere e successo. Essa è la Madre che ci gesta per non seguire più i desideri della nostra madre nella carne porgendoci il calice del sangue di Cristo che ha distrutto il peccato e ci colma della sua stessa vita più forte della morte infondendo in noi il potere di servire ogni uomo bevendo il calice della sofferenza che l'amore suppone. Per questo ogni giorno è pronto per noi un calice con il quale Gesù ridesta la chiamata a seguirlo che raggiunse anche Giacomo sulle rive del mare di Galilea. Lui ha il potere di farci vivere all'ultimo posto dove servire chi ci è accanto contemplando, come Giacomo, nella Trasfigurazione del Signore il suo potere che trasforma anche noi, pavidi e incoerenti che si addormentano nel Getsemani, in apostoli capaci di pazienza nelle sofferenze e nelle persecuzioni per annunciare il Vangelo compiendo i miracoli dell'amore che sovrabbonda in noi. Forse non saremo inviati in Spagna come Giacomo, ma di certo sino agli estremi confini della terra e della vita di chi ci è accanto. Certo, soffriremo delusioni e fallimenti come l'apostolo ha patito l'insuccesso della sua predicazione. Ma apparirà anche a noi la Vergine Maria, sul pilastro della Croce come apparve a Giacomo in quel di Saragozza: coraggio, non siamo soli nella missione che ci è affidata. Maria è con noi per consolarci e sostenerci affinché con la Chiesa di cui è immagine, possiamo bere il calice del dolore e del peccato di ogni uomo per testimoniare la vittoria di Cristo contro cui il veleno di cui è colmo non ha potere.

lunedì 24 luglio 2017

No puedo descansar....

Lunedì della XVI settimana del Tempo Ordinario




Ascoltano i regnanti la voce del profeta e tremano; 
così tanto si umiliano che, gettati via i loro diademi, 
niente altro vogliono che convertirsi.
Ascoltano i principi e gridano; si tolgono le vesti lussuose 
e si coprono di umili stracci.
Ascoltano gli anziani, e per l’afflizione si coprono il capo di cenere.
Ascoltano i ricchi, e svelti spalancano i loro forzieri ai poveri.
Ascoltano gli usurai, e all’istante strappano le cambiali.
Ascoltano i debitori, e corrono a pagare i loro debiti.
Ascoltano i ladri, e in fretta restituiscono il maltolto ai proprietari.
Ascoltano i giudici, e fanno finta che i delinquenti 
non abbiano commesso crimini, condonando ogni cosa. 
Ascoltano gli assassini, e confessano i loro delitti, 
né si rifiutano di presentarsi ai giudici. 
Ma anche i giudici ascoltano, e perdonano, 
perché in questo indescrivibile tumulto 
nessuno ha più il coraggio di condannare.
Ascoltano i peccatori, e confessano le loro malvagie azioni.
Ascoltano i servi, e maggiormente rispettano i loro padroni.
Ascoltano i ricchi e le persone importanti, e abbassano la cresta.

S. Efrem

:::


Alcuni scribi e farisei chiedono a Gesù un segno che lo legittimi quale Messia, una prova che dimostri la veridicità delle sue parole. Perché Gesù risponde così severamente ad una domanda apparentemente ragionevole? Perché, chiedendo un altro segno essi vanificano di fatto quelli che Gesù aveva compiuto sino ad allora. Sono come il Popolo nel deserto che, nonostante i segni e i prodigi, continuavano a mormorare e tentare Dio per sapere "se il Signore è in mezzo a noi, sì o no" (Es 17,7). Come noi, mai sazi della tenerezza e della misericordia di Dio, esigiamo che compia i segni che il nostro cuore malato desidera. No, la vita che abbiamo non ci piace. Va bene, il Signore ci ha perdonato e aiutato molte volte, ma... Ci manca sempre qualcosa; se gli eventi prendono una piega diversa da quella che abbiamo stabilito o sperato; se la moglie, nonostante le tante esperienze di riconciliazione, continua ad essere insopportabile e non mi fa passare nulla; se il marito, nonostante lo abbia perdonato, si ostina a tradire la mia fiducia; se i figli, nonostante le mille parole e castighi, continuano a mentire e a fare il proprio comodo; se appare una malattia, o un problema al lavoro, o un incidente; se qualcuno ci si mette contro, eccoci di nuovo a chiedere al Signore che "ci faccia vedere un segno". Perché? Perché la Parola ascoltata, i mille sacramenti ricevuti, le esperienze del suo amore, non ci sono ancora bastati per credere e abbandonarci alla volontà del Padre? Lo spiega Gesù: perché non abbiamo ancora creduto al "kerygma", alla notizia che Gesù è morto e risorto per noi! Abbiamo visto dei "segni", ce ne siamo rallegrati perché hanno risolto situazioni difficili, o hanno compiuto i nostri desideri. Ma non abbiamo compreso che essi erano "segno" del Mistero Pasquale del Signore, l'unico "segno" capace di cambiare il cuore. Erano un aiuto che ci è stato offerto, una traccia per giungere al Golgota, contemplare Cristo crocifisso, lasciarci trafiggere il cuore da tanto amore, incontrarlo "nel ventre della terra" nella quale i peccati ci hanno sepolto, e lì, nella nostra realtà, alla radice di ogni peccato, aprire disarmati all'unico capace di scendere fino a noi per liberarci con la sua vittoria sulla morte. No, se stiamo ancora mormorando ed esigendo che Dio cambi eventi, persone e perfino noi stessi, significa che non abbiamo creduto al "segno di Giona profeta". Troppo ingannati dalla sapienza mondana, troppo preoccupati della giustizia carnale per accogliere, umilmente, la chiamata a "conversione" che l'unico "segno" che ci viene dato ogni giorno ci annuncia. Siamo ancora figli di "questa generazione, perversa e adultera". Per-vertiamo lo sguardo del cuore "volgendolo in un altro verso", opposto a quello di Dio; per questo abbiamo tradito il nostro Sposo, cercando affetto, stima, considerazione e vita negli amanti con i quali ci siamo pervertiti. Abbiamo creduto all'annuncio del demonio, identico a quello fatto ad Eva, e ci siamo concessi agli idoli di questo mondo. Come potremmo credere, se la carne ha desideri contrari a quelli dello Spirito? Se il "segno" che chiediamo è un idolo fabbricato dal nostro cuore malato? Per questo tentiamo Dio, rifiutando il "segno" che ci offre nella storia, in ragione delle nostre concupiscenze. Eh sì, perché chiedere che tua moglie o tuo marito cambi è una perversione; chiedere che gli eventi vadano secondo i nostri schemi è adulterio. E' "pensare secondo gli uomini", tipico di satana, il nemico della Croce. E' chiedere un "segno" eugenetico, che spiani la strada ad una vita senza problemi, senza sofferenze, senza croce. Il paradiso messianico qui e ora, e fuori dalla nostre esistenze tutti gli embrioni fallati, gli usurpatori, colleghi, parenti, il nostro stesso carattere.... Infatuati dei doni che abbiamo ricevuto, senza accorgercene, ci siamo fatti dio e tutto deve servire alla nostra maestà. Siamo diventati incapaci di godere, con semplicità, dei doni che ogni giorno il Signore ci fa, incartandoli con la ruvida carta della Croce. "Con-vertiamoci" allora, oggi, ora! "Volgiamo di nuovo lo sguardo a Colui che abbiamo trafitto", e rigettiamo sinceramente l'opera del demonio nella nostra vita.

Oggi è il momento favorevole! Guardiamoci intorno, nella Chiesa, nella nostra comunità: vedremo "alzati", ovvero "risorti" in una vita nuova gli "abitanti di Ninive", i peccatori incalliti che si sono convertiti al "kerygma" (secondo l'originale greco tradotto con "predicazione"); vedremo "levarsi", ovvero "risorgere" dalla sapienza carnale e dalla gloria vana del mondo, la "Regina del sud", i tanti "venuti dall'estremità della terra ad ascoltare la sapienza di Salomone" che gli ha annunciato l'amore celeste. Non li vedi? Guarda che sono in piedi e ti stanno "giudicando", insieme a "questa generazione" che ha rinnegato Dio. Ma è un giudizio riservato al tuo e al mio uomo vecchio, affinché sia annegato nelle viscere della misericordia di Dio. Abbiamo ancora una possibilità... Nella Chiesa ci sono donati tanti fratelli che si stanno realmente convertendo... Quanti di loro erano schiavi di alcool e droga, ma hanno creduto alla predicazione e sono risuscitati e ora sono mariti e mogli che perdono la vita l'uno per l'altro, capaci cioè di soffrire; quanti di loro avevano gettato la loro vita inseguendo il prestigio e il potere, ingannati dalle ideologie e dalla cultura del mondo, ma si sono incamminati per ascoltare la sapienza di Cristo, e ora regnano con Lui sulla Croce, padri e madri felici, occupando l'ultimo posto dove l'amore di Dio ricolma di senso la loro vita... Non finiremmo mai di guardare e contemplare l'opera che il "segno di Giona" compiuto in Cristo ha operato in loro. Ebbene oggi il Signore ci invita a lasciarci giudicare dai nostri fratelli, dalla Chiesa nella quale Cristo continua a scendere "nel ventre della terra per tre giorni". In essa, la pazienza piena di misericordia di Dio aspetta e accompagna la conversione di ciascuno di noi, per farci risorgere con Lui come nuove creature. Il "segno" per convertirci è, dunque, già accanto a noi; ma non solo: è in noi, nella nostra storia. E' la croce che anche oggi ci accompagna, come il "ventre della balena" dove sperimentiamo la solitudine, i nostri limiti, i nostri dolori, le nostre angosce, il frutto dei nostri peccati. Accettiamolo, smettiamo di tentare Dio perché ci dia "un segno" che tolga "l'unico segno" che ci può salvare. Convertiamoci, cioè riconosciamo umilmente di essere precipitati nel "cuore della terra", nella polvere da cui siamo stati tratti e alla quale siamo tornanti a causa degli "adulteri e delle perversioni". Anche oggi vi scenderà Cristo per prenderci con amore sulle sue spalle e riportarci in vita. Il segno che ci è offerto per salvarci è proprio ciò che stiamo disprezzando, contro cui stiamo lottando; la spina conficcata nella carne di oggi è la nostra salvezza, il "segno" che il Padre ci ama e non ci ha lasciato nella morte, al punto che proprio lì, dove più acuto è il dolore, è crocifisso suo Figlio. E questo significa che proprio la nostra vita è "il segno", l'unico, che ci è dato per convertirci; non ve ne sono altri, come non vi saranno altre vite, altri giorni, ma solo la croce di oggi, primo e ultimo giorno della nostra vita. Ascoltiamo la predicazione e piangiamo i nostri peccati, come Pietro; perché credere al "segno" significa avere il cuore dei niniviti, che "aspettavano la giusta collera di Dio, ma non smettevano di sperare nella sua sconfinata misericordia. Erano convinti che Dio è di grande misericordia, e spande il suo amore e la sua misericordia su chi si converte" (S.Efrem). Abbandoniamo le false sicurezze con cui ci siamo illusi di regnare, e camminiamo con la Chiesa seguendo le orme di Cristo Crocifisso. Ci porterà nel deserto, non temiamo, perché proprio in esso lo Sposo viene a parlarci, per farci di nuovo sua sposa, nella fedeltà e nell'amore, compimento di ogni autentica conversione.

sabato 22 luglio 2017

La conversione chiesta da Papa Francesco.


Gaudio evangelico. La necessità di una conversione pastorale della Chiesa, che spesso appare impreparata ad affrontare le complesse sfide del tempo presente. È quanto mette in luce, a partire dalla Evangelii gaudium di Papa Francesco, il volume "Bellezza del gaudio evangelico. Al centro della vita cristiana" (Livorno, Mauro Pagliai Editore, 2017, pagine 179, euro 12). Pubblichiamo stralci tratti dal capitolo intitolato «Il clero dorme».
La conversione chiesta da Papa Francesco
Abitudine non è fedeltà

di Giulio Cirignano
L’ostacolo maggiore che si frappone alla conversione che Papa Francesco vuol far fare alla Chiesa è costituito, in qualche misura, dall’atteggiamento di buona parte del clero, in alto e in basso. Atteggiamento, talvolta, di chiusura se non di ostilità. Come i discepoli nell’Orto degli ulivi, ancora i suoi discepoli dormono. Il fatto è sconcertante. Per questa ragione il fenomeno va esaminato a fondo, nelle sue cause e nelle sue modalità. Il clero trascina dietro di sé le comunità, che invece dovrebbe essere accompagnata in questo straordinario momento. Gran parte dei fedeli hanno compreso, nonostante tutto, il momento favorevole, il kairós, che il Signore sta donando alla sua comunità. Gran parte dei fedeli è in festa. Tuttavia quella porzione più vicina a pastori poco illuminati viene mantenuta dentro un orizzonte vecchio, l’orizzonte delle pratiche abituali, del linguaggio fuori moda, del pensiero ripetitivo e senza vitalità. In fondo, il Sinedrio è sempre fedele a se stesso, ricco di devoto ossequio al passato scambiato per fedeltà alla tradizione, povero di profezia. Quali le ragioni di tutto ciò?
Al primo posto della lista occorre, probabilmente, collocare il livello culturale modesto di parte del clero, sia in alto che in basso. Non possiamo generalizzare e, pertanto, non troviamo alcuna difficoltà ad ammettere che ci sono molte eccezioni a questo stato di cose, per fortuna. In molti presbiteri, purtroppo, la cultura teologica è scarsa e ancora minore è la preparazione biblica. La causa di questo deplorevole stato di cose è facilmente individuabile. Quando un corso di studi di livello universitario, tanto per fare un esempio, non lascia nello studente la voglia di pensare, di continuare a studiare, di esercitare un minimo di senso critico, vuol dire che ha fallito il suo compito. L’impostazione di gran parte dei seminari non favorisce il formarsi di una mentalità di lavoro e di impegno. Gli anni di preparazione al presbiterato dovrebbero alimentare la consapevolezza circa la necessità del ministero come un vero e proprio lavoro. Come ogni persona, anche il prete lavora per guadagnarsi il pane.
Si obietterà che spesso i preti sono oberati da molte faccende. Questo risponde a verità. Se però le molte faccende impediscono al prete di svolgere il compito che gli è proprio ci dobbiamo interrogare. Forse grava sul prete un’immagine che viene dal passato e che non è più sostenibile? Ci riferiamo a un’immagine ereditata in cui il prete era pensato come il capo e il padrone della comunità e che, in virtù della sua condizione celibataria, veniva come compensato da una specie di ruolo a responsabilità individuale totalizzante. Una specie di “protagonista” solitario. Gli organismi di sinodalità funzionavano e funzionano poco e male. In questo schema si pensava che la vitalità di una comunità passasse dal prete ai fedeli, costantemente conservati in un ruolo passivo. Tutto ciò oggi non è più accettabile.
C’è ancora un fattore più grave che impedisce a quanti portano il dono del sacerdozio ministeriale di intercettare le domande che vengono dalla storia e accogliere con gioia ed entusiasmo gli inviti al cambiamento. È un fattore il cui peso è difficilmente misurabile, una specie di gabbia paralizzante. Possiamo definirlo, sostanzialmente, come la modalità di concepire l’esperienza religiosa in termini vecchi, quelli maturati e consolidati nel lungo periodo della controriforma. Modalità che coinvolge la teologia, la spiritualità e la pratica.
Una teologia, in primo luogo, senza le risorse della Parola, senz’anima, che ha trasformato l’appassionante e misteriosa avventura del credere in religione. Fede e religione: nell’immaginario comune sono quasi sinonimi. In realtà, sono esperienze profondamente diverse. La religione nasce dalla paura e dal bisogno dell’uomo che spinto da questo duplice fattore si incammina in cerca di una mano a cui aggrapparsi. Va in cerca di un aiuto che, spesso, costruisce in parte anche secondo le sue necessità. È una esperienza bella, certamente, che si alimenta alla coscienza del mistero, che ogni uomo porta in sé. Ha, però, questo grande limite: il Dio della religione è, per lo più, proiezione dell’uomo, della sua mente, delle sue paure, delle sue necessità. È un dio ipotetico.
La fede ha tutt’altra origine. È accoglienza di un evento umanamente impensabile. Nell’esperienza della fede non è in primo luogo l’uomo che va verso Dio, ma l’opposto. Dio si rende esperibile all'uomo che è invitato ad accoglierlo. La fede è il vuoto dell’uomo e il pieno di Dio: in ciò l’uomo trova la sua completa dignità.
Dobbiamo ammetterlo: siamo tutti profondamente intessuti di religione. Tutti, nessuno escluso. Anzi, il bisogno religioso ci accompagnerà fino alla fine della vita. Non ci abbandonerà mai. Avremo sempre l’istinto di cercare quella misteriosa mano su cui posare le nostre vertigini esistenziali. Dunque nessuna svalutazione della religione, ma dobbiamo ribadire con forza che la fede è un’altra cosa. Quando il prete è troppo segnato da mentalità religiosa e poco da limpida fede, allora tutto si fa più complicato, poiché egli rischia di restare vittima delle molte cose inventate dall’uomo su Dio e sulla sua volontà. Quando è l’uomo a parlare di Dio, lo fa da uomo, immaginando, ipotizzando e talvolta sostituendosi a Lui. Colui, che è totalmente altro, non sopporta di essere rinchiuso in schemi angusti, tipici della mente umana. «Dio, nessuno lo ha mai visto» (Giovanni, 1, 18), di lui sappiamo solo quello che il Figlio ha voluto rivelare. Dio è amore: questo è tutto. Amore come dono di sé. Così Egli corregge, in maniera plateale, le mille involuzioni che siamo soliti far compiere all’amore.
L'Osservatore Romano